Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
News
Intervista a Maria Chiara Carrozza, direttore scientifico di Fondazione Don Carlo Gnocchi


Giorgio Minotti (GM): Diamo il benvenuto alla professoressa Maria Chiara Carrozza, professoressa di bioingegneria presso la Scuola Sant'Anna di Pisa e Direttore Scientifico presso l'Università Don Carlo Gnocchi. La Professoressa Carrozza è qui con noi oggi, partecipando ad alcune iniziative legate al concorso internazionale e anche e per portare la sua testimonianza al RomeCup. Quindi, lascia che le chieda: come vede questa competizione architettonica internazionale di fronte al futuro dell'Università, alla Terza Missione dell'Università e alla generazione di nuovi modelli educativi.

Maria Chiara Carrozza(MCC): Penso che nel futuro l'Università abbia sostanzialmente tre mission che sono estremamente difficili da separare. Quindi, il nuovo edificio, le nuove strutture devono essere considerate come se avessimo la missione per stimolare la formazione e l'istruzione superiore, la ricerca, la ricerca fondamentale, la traduzione della ricerca nella pratica clinica come qui siamo in un ambiente biomedico dove dobbiamo tradurre l’ingegneria nella pratica clinica e la Terza Missione nel mondo industriale. Non è possibile separare questi domini. E penso che sarà interessante vedere come i diversi studi di architettura offriranno prospettive diverse per integrare tutte quelle missioni insieme in un'unica struttura.

GM: Permettetemi di chiedere anche la dimensione internazionale dell'Università, e la dimensione internazionale di UCBM, siamo, come si dice, una piccola università. Quindi, come può una piccola università diventare una reale dimensione internazionale verificabile?

MCC: Penso che per diventare un'università internazionale sia importante avere facoltà internazionali, quindi non solo studenti internazionali provenienti da diversi paesi, ma anche facoltà internazionali. Quindi, il primo obiettivo è attrarre ricercatori e docenti esterni, e questa è la parte difficile. Ma penso che l'unico modo per una piccola università sia quello di specializzarsi, ma l'Università Campus Bio-Medico è già specializzata in biomedicina, medicina e ingegneria, ingegneria biomedica. Quindi, è possibile concentrare lo sforzo in una sorta di ambiente internazionale in queste due aree per collegare la scienza, le tecnologie, la medicina, per l’integrazione con le strutture cliniche e ciò sarà interessante per le persone interessate alla ricerca internazionale.

GM: Le faccio un'ultima domanda che è più filosofica, semantica piuttosto che scientifica, hai menzionato l'unione della biomedicina e dell'ingegneria, hai menzionato l'unione delle nostre facoltà locali con le facoltà internazionali. Come definirai questi sforzi: contaminazioni, fertilizzazione incrociata o cosa?

MCC: Il mio modo preferito di definirlo è interdisciplinarietà, per far convergere le scienze dobbiamo pensare senza i preconcetti provenienti dalle nostre stesse discipline e provare a guardare all'assistenza sanitaria dei pazienti come nostro ambito interdisciplinare in cui convergere e fondere conoscenze diverse per risolvere il problema del soggetto.
CONDIVIDI
 
 
Segui on line le attività di Ucbm
Questo Sito Web utilizza Cookies di terze parti. Leggi l'informativa oppure Chiudi