Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
News
Intervista a Nitish Thakor
Giorgio Minotti (GM): Diamo il benvenuto al professor Nitish Thakor qui, al Campus Bio-Medico dell'Università. Il professor Thakor è rettore del SINAPSE Institute di Singapore, è anche professore di ingegneria biomedica presso John Hopkins University e membro della giuria per la competizione internazionale per il nostro masterplan. Le faccio una prima domanda: che tipo di mutua relazione vedi tra la competizione internazionale e il futuro dell'università dal punto di vista della ricerca e dell'istruzione?

Nitish Thakor (NT): Bene, allora, una grande università con un ospedale e un campus come la vostra, devono fare ricerca, insegnamento e formazione di futuri medici. La reciprocità è necessaria nella ricerca per costruire una reputazione. La reputazione internazionale si costruisce attraverso lavori di grande impatto e collaborazioni. L'istruzione è ovviamente un tema locale, ma invitando studenti stranieri si può accrescere la reputazione (internazionale). E poi, la formazione, se hai il miglior ospedale, le persone vengono vi vengono a studiare quindi, spero che il vostro Campus si sviluppi in come centro internazionale.

GM: Quindi, in pratica, pensi che questa competizione internazionale stia aprendo la strada affinché la nostra istituzione diventi realmente un'istituzione internazionale?

NT: Sì, lo spero, quando ho avuto una prima discussione, sai, John Hopkins è nota come la più antica scuola di medicina e ricerca negli Stati Uniti, il suo principio fondatore  fu proprio lo sviluppo della ricerca ed è basata su questa filosofia. Ora, a Singapore è diverso perché è un’università pubblica molto grande che serve le comunità di Singapore. Io ho una visione constrastante tra università privata e università pubblica, università di ricerca e di formazione medica.

GM: E anche tra locale contro internazionale!

NT: Corretto! E così, penso e spero di poter condividere entrambe le mie esperienze. Quella alla John Hopkins nell’ambito dall'università privata che deve reperire fondi e creare ambienti tali affinché pazienti e strumentazioni internazionali inizieranno a venire. Singapore è unica perché è un centro per l’Asia, ha una posizione molto strategica, Cina, India, Indonesia, molti paesi, quindi, penso che la nostra università è diventata un punto di incontro. Innanzitutto avete un vantaggio su Roma, una buona posizione e ora se riesci a sviluppare un buon collegamento con l'altra parte dell'Europa prima e poi in altri paesi. Dovresti avere uno dei programmi di ricerca e la scuola di medicina è l'ultima tappa per i test sui pazienti. Quindi, visto che questo primo passo è stato già fatto, conosci le tecnologie in via di sviluppo in Germania, e poi in Svizzera, e così via, ma l'ultima tappa è qui.

GM: Quindi non stiamo correndo dietro a nessuno!

NT: No! No! è esattamente così! Quindi, siete un buon esempio, giusto? Sono sicuro che di seguito a questo esempio, e ora la più grande domanda su come diventare fuoriclasse è diventare davvero esperti.

GM: E ora, un po 'di pettegolezzi! Ok? Sei un membro della giuria, non ti chiederò chi vincerà, ma ti chiederò: come ti piacerebbe il primo processo decisionale? quali sono i primi passi che ti piacerebbero nella selezione dei progetti? e quanto ti senti a tuo agio con il processo.
NT: Bene, quindi, certo, niente pettegolezzi!

GM: Nessun pettegolezzo! Dimmi qualcosa di perfido!

NT: Non proprio! L'idea è che, prima di tutto, in una giuria, devo essere imparziale, e intendo un atteggiamento neutro su questo, perché, non puoi clonare alcun posto, ho viaggiato in tutto il mondo e ho visto molte istituzioni in ognuna ho visto un'identità unica, quindi spero che quando farò una giuria le persone che hai selezionato abbiano creato un'identità. Questo posto è unico, non è un clone di un altro posto!

GM: E come ultima domanda un po 'di filosofia, tu dici che devi essere neutrale, ma un nuovo progetto, un nuovo progetto internazionale, come questo, è anche una questione di bellezza, di idee affascinanti, di cambiare schema, ok? Come si può essere neutrali prima di cambiare un paesaggio o di fronte alla bellezza?

NT: Prima di tutto, quando ho detto neutrale, intendevo dire che sono neutrale nei confronti dei concorrenti, devo essere in equilibrio nella competizione rispetto ad altri simili. Ma, la tua domanda sulla bellezza, è eccellente, perché quando sono venuto qui, ho spiegato l'azione un concetto di feng shui, il feng shui significa che tutto appartiene a uno spazio e un tempo. Sei qui, con un bel verde, terreni agricoli, in una città che è un posto storico, come si adatta? deve essere bellezza, come dici tu, ma un'alta qualità del feng shui a cui dovrebbe appartenere, a cui dovrebbe adattarsi all'ambiente e dovrebbe adattarsi alla comunità degli utenti, alle posizioni, ai professori in un modo naturalistico.

GM: Dovrebbe avvolgere.

NT: Dovrebbe essere l'ambiente ad avvolgerci, ad esempio l'ospedale, l'università medica e la città hanno diversi canoni di investimenti e qui c’è un diverso canone di investimento. E poi, quando si accolgono le persone a lavorare con una sensazione felice e di fare il meglio. In effetti, è proprio quello che ho provato quando sono entrato nel Policlinico, ha un bellissimo design, all'interno della piazza centrale del padiglione dove tutti i pazienti convergono. È importante perché molti ospedali sono molto neutrali, molto antipatici con i pazienti, e quindi questo è il concetto. Quindi, c’è il massimo nell'adattamento e nell'ambiente.
CONDIVIDI
 
 
Segui on line le attività di Ucbm
Questo Sito Web utilizza Cookies di terze parti. Leggi l'informativa oppure Chiudi