Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
News
Sul concorso e i progetti in gara Martha Thorne
In occasione della sessione di Giuria del concorso (17 luglio 2018), Martha Thorne, direttrice del Pritzker Architecture Prize plaude alla sfida lanciata da UCBM atatrverso il contest internazionale e commenta l’approccio progettuale dei sette team in gara.
 
Martha Thorne: “È molto interessante partecipare come membro della giuria a questo concorso. Quando un’università, che è un'istituzione educativa, guarda al suo futuro e a sforzi di progettazione urbana e architettonica per cercare di creare un ambiente futuro per ampliare la sua offerta formativa, di ricerca e connessione tra le persone della sua comunità e del suo ambiente circostante è qualcosa che apprezzo davvero molto.
Questa competizione è stata organizzata estremamente bene. I finalisti, i sette finalisti che hanno presentato il loro lavoro hanno mostrato alla giura che approcciare un’infrastruttura dedicata alla formazione, alla ricerca e alla cura medica è una questione complessa ma ci hanno anche fornito delle chiavi di lettura del paesaggio, della storia ma soprattutto di come guardare al futuro. Le sette diverse proposte sono uniche, ognuna è diversa dall’altra, anche se ovviamente lavorano sullo stesso spazio fisico ma tutte con un approccio diverso sul paesaggio, la sostenibilità e su come una comunità universitaria dovrebbe reagire e interagire.
Credo che la giuria, e infine la dirigenza universitaria, avranno un compito difficile con dei progetti di così alta qualità, una decisione finale non sarà semplice, dall’altra parte sono molto ottimista e a prescindere dalla decisione finale credo che il Campus Bio-Medico ha davanti a sé un futuro brillante e meraviglioso.”
CONDIVIDI
 
 
Segui on line le attività di Ucbm
Questo Sito Web utilizza Cookies di terze parti. Leggi l'informativa oppure Chiudi