Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
News
Un progetto per crescere insieme
Marta Bertolaso: Mi è stato chiesto di dire qualcosa sull’importanza delle relazioni nella strutturazione e organizzazione degli spazi, soprattutto in relazione agli spazi futuri che vogliamo costruire qui presso UCBM. Prima di tutto, penso che dovremmo tenere a mente che oggi l'università è un luogo dove impariamo ciò che già sappiamo, ciò che ancora non sappiamo, ma entrambe le dimensioni conoscitive hanno di fatto a che fare con la capacità di riconoscere, studiare e analizzare le proporzioni in natura, con il mondo naturale, tra diverse discipline, tra diverse conoscenze. Quindi, penso che proporzionare le strutture architettoniche sia davvero importante per stimolare, incoraggiare e sviluppare le capacità dei nostri studenti e dei nostri studiosi per scoprire e condividere con gli altri una proporzione nella vita reale, nella natura e nella società. E la conoscenza, proprio per questo, perché le relazioni e le proporzioni sono importanti, è sempre una conoscenza incarnata. Quindi, per sviluppare una conoscenza incarnata, abbiamo bisogno di incontrare persone, di incontrarle di persona, quindi parte della sfida che dobbiamo affrontare è lo sviluppo di tecnologie, un modo intelligente di applicare le tecnologie future, ma anche di facilitare le persone ad incontrarsi e a lavorare insieme. Quindi, parte di questa sfida sarà anche lo sviluppo di nuove discipline e probabilmente nuove carriere e profili nell’ambito delle scienze della vita.
Come contribuiranno le discipline umanistiche in questo sviluppo? Prima di tutto penso che, in qualche modo, stiamo tornando all'origine del Campus Bio-Medico, poiché fin dall’inizio ci siamo posti l’obiettivo di affrontare e servire la vita umana attraverso l’impiego delle tecnologie, l'assistenza sanitaria e la bioingegneria.
Ora, ciò che vorremmo fare è sviluppare città intelligenti, agricolture intelligenti, bioeconomia, economie circolari attraverso l’uso di nuove tecnologie, e proprio dando spazio alle competenze che sono già presenti nell'università. Quindi sarà una sorta di processo emergente attraverso il quale saremo in grado di sviluppare nuove competenze e condividere esperienze reali tra diversi accademici, tra diversi campi, al fine di costruire questo nuovo futuro: agricoltura intelligente, tecnologie ed economia. Quindi, questo è un altro modo di guardare all'interdisciplinarità nel nostro modo di intendere l'università.
E infine, ciò che noi ci aspettiamo da questa competizione, e probabilmente è un pensiero di tutti noi…Fin dall'inizio siamo stati formati, o abituati, a pensare che se piantiamo degli alberi per gli altri un giorno questi ultimi potranno godere della loro ombra. Quindi, ancora una volta, ciò che vogliamo o che ci aspettiamo da questa competizione non è probabilmente un programma definitivo, un progetto architettonico completo, ma un progetto architettonico in grado di crescere. È fantastico vedere la vita, le persone e i giovani studenti crescere. E penso che questa sia un’altra opportunità per noi di iniziare qualcosa che saremo in grado di incoraggiare, sviluppare e far crescere insieme agli altri.
CONDIVIDI
 
 
Segui on line le attività di Ucbm
Questo Sito Web utilizza Cookies di terze parti. Leggi l'informativa oppure Chiudi